giu 1, 2019

Posted by moderatore in News | Commenti disabilitati

Partecipazione al Convegno CISO (Centro Italiano di Storia Ospedaliera) di Torino

Lo Studio Firmano al convegno CISO (Centro Italiano di Storia Ospedaliera) per la valorizzazione della tradizione storico-ospedaliera fermana

Torino, 31 maggio 2019, Compagnia S. Paolo, Sede Archivio Storico

Gli Ospedali, la loro storia ed i patrimoni archivistici ed architettonici al centro del convegno che si e` svolto ieri 31 maggio a Torino, presso la sede della Compagnia di S. Paolo,  nella sala conferenze dell`Archivio Storico gremita dal pubblico,  dal titolo “I Sotterranei della Sanita`: le radici del passato per capire il presente” promosso dal CISO (Centro Italiano di Storia Ospedaliera) di Torino presieduto da Franco Lupano col supporto della Fondazione 1563 per l`arte e la cultura della Compagnia di S. Paolo. I patrimoni legati alla tradizione storico- ospedaliera rappresentano nella penisola un giacimento straordinario per gli storici, sia per la ricchezza dei loro archivi –spesso non conosciuti – , sia dei loro siti monumentali che meritano la necessaria attenzione da parte degli studiosi ed ancor piu` delle istituzioni.

Anche lo Studio Firmano ha partecipato con una propria relazione, presentata dalla dr.ssa Fabiola Zurlini – Vice-Direttore dello Studio Firmano -  finalizzata a riscoprire la storia degli Ospedali della citta`, come luoghi di cura e di ricovero, sorretti dalla missione caritativa degli ordini e delle diverse congregazioni religiosi e confraternite cittadine, nel periodo compreso tra Eta` Moderna e Contemporanea. Tale attenzione scientifica dello Studio Firmano per la storia ospedaliera si pone nel solco della tradizione che ha visto il prof. Mario Santoro, fondatore dello Studio Firmano, aderire gia` nel 1957 al Centro Italiano di Storia Ospedaliera di Reggio Emilia, unitamente a un gruppo di studiosi del territorio e partecipare al 1. Congresso Italiano di Storia Ospedaliera a Reggio Emilia ed 1. Congresso Europeo  sempre a Reggio Emilia nel 1960 e che ha prodotto primissimi studi editi sugli ospedali fermani. La ricca tradizione della citta` di Fermo sul profilo della storia ospedaliera merita la ripresa e lo sviluppo di questo studi e la valorizzazione scientifica degli istituti culturali del territorio, che ne conservano i fondi archivistici e documentari, nonche` dei loro siti architettonici.

Pubblico in sala - sede della conferenza del 31.05.2019 Di particolare rilievo, sul piano istituzionale,  la presenza dell`ASTUT (Archivio Scientifico e Tecnologico dell`Universita` di Torino), rappresentato dal prof. Marco Galloni dell`Universita` di Torino, quale ente deputato alla conservazione  e valorizzazione del grande patrimonio strumentario scientifico, medico e tecnologico generato dalle attivita` di ricerca e di docenza dell`Ateneo torinese. Si tratta di un patrimonio unico – e` stato definito di recente un “Museo delle Meraviglie”, noto e frequentato dallo stesso Piero Angela e da cui provengono gli strumenti scientifici che spesso ne arredano lo studio in occasione delle sue note trasmissioni televisive. E` intervenuta anche la dr.ssa Daniela Caffaratto della Soprintendenza Archivistica del Piemonte e Valle d`Aosta che ha illustrato lo stato degli archivi sanitari piemontesi.

Il convegno godeva di diversi patrocini tra cui quello della Regione Piemonte.

Erano presenti anche la nota docente Nelli-Elena Vanzan Marchini,  storica moderna,  Presidente del CISO del Veneto con sede a Venezia, la principale studiosa della storia della sanita` a Venezia e nei territori segnati dalle rotte adriatiche – tra cui anche quello fermano –  e mediterranee della Serenissima, autrice di numerosi saggi sull` argomento e l`architetto Esther Diana del CISO di Firenze, la massima esperta italiana di storia dell`architettura nosocomiale e dei luoghi di cura.

Una sensibilita` comune che unisce lo Studio Firmano in un contesto nazionale che vede coinvolte Torino, Venezia e Firenze per una nuova valorizzazione della storia ospedaliera italiana. Un passato che è ora quanto mai necessario per comprendere il presente del  Tempo di Cura ed il suo futuro.

Fermo 1.06.2019

La Direzione dello Studio Firmano

* * * * * * * *

Comunicato Stampa (clicca qui)

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Comments are closed.